Archivio di febbraio, 2015

Uso dei servizi di internet

Sapere che in internet molti usano regolarmente gli stessi servizi di condivisione/comunicazione in tutto il mondo è assiomatico.
Rendersi conto invece di quante sono le operazioni, le informazioni e le comunicazioni attivate non è evidente, data la gran quantità di dati.
Ecco sotto una rappresentazione – che permette pure di andare nei dettagli – di questi scambi, pubblicazioni, fotografie, comunicazioni e scaricamenti in tempo reale (non so se il tempo è reale ma traduco il titolo della rappresentazione): impressionante e istruttiva nonché didatticamente utile.


Clicca sull’animazione per conoscere i dettagli degli scambi e altro ancora (via Penny Stocks Lab).

Il pensiero informatico

cervelloNei nuovi piani di studio della scuola ticinese la tecnologia è riconosciuta come meritevole di attenzione e quindi da proporre a scuola nell’ambito della formazione generale, già a partire dal settore primario.
Da una parte si indicano quali sono gli ambiti che appartengono a questa tematica ma dall’altra si devono ancora affinare le indicazioni su cosa insegnare, come e quando nei vari livelli scolastici. La discussione è iniziata e dei temi emergono, così come delle indicazioni su chi se ne dovrà assumere l’onere di approfondimento.

Tuttavia, se guardiamo ai temi da proporre nella formazione tecnologica con gli allievi, vediamo che essi sono generici e con pochi spunti operativi. “Sviluppare nell’allievo un senso critico, etico ed estetico nei confronti delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione” è il referente citato nel capitolo dei nuovi piani di studio inerente a questo tema. Tra le indicazioni operative che si propongono troviamo elementi pertinenti all’ambito tecnologico quali la produzione di messaggi con mezzi tecnologici, l’educazione ai mass-media, l’alfabetizzazione informatica e l’uso consapevole dei social media. Manca un riferimento al “pensiero informatico” o all’”informatica come oggetto di studio” che oggigiorno è sempre più sottolineato come competenza importante da costruire negli allievi entro la fine della scuola obbligatoria.

Cosa sia e cosa propone questo ambito tecnologico lo vedremo successivamente. L’importante qui è sottolineare  che questo tema dovrebbe essere inserito nei nuovi piani di studio – sotto formazione generale> tecnologie – affinché questi non diventino già superati – almeno per quanto attiene all’ambito tecnologico – a breve termine.

Vedremo nei post seguenti gli approfondimenti sul tema tecnologia e pensiero informatico da vari punti di vista.

Torna all'inizio