Articoli con tag grammatica

Il piacere di scrivere

0

copertinaÈ da qualche settimana nelle librerie Il piacere di scrivere. Guida all’italiano del terzo millennio, di Luca Cignetti e Simone Fornara (Roma, Carocci, 2014). La prefazione è di Luca Serianni, che lo definisce «Una palestra indispensabile per mettersi nel mare della nostra lingua senza il rischio di restare in panne nel corso della navigazione». Si tratta di un manuale di scrittura che trae linfa vitale dai circa 2.000 testi raccolti nelle scuole ticinesi nell’ambito della ricerca TIscrivo.

Ciò che rende particolare il manuale è l’impostazione diversa dal consueto: si parte, cioè, dai veri problemi della scrittura di oggi (documentati appunto da numerosi esempi reali, in gran parte prodotti da studenti ticinesi di diverse fasce di età: dai bambini delle scuole elementari agli studenti degli istituti universitari), ai quali viene dedicato ampio spazio, proponendo strategie, soluzioni pratiche ed esercizi stimolanti e innovativi. Il tutto nella convinzione che il dovere di comporre testi possa anche trasformarsi nel piacere di scrivere.

La giornata della punteggiatura

0

Schermata 2013-10-17 a 19.20.2404 dicembre 2013
Locarno, Teatro di Locarno, ore 14.00 – 18.00

La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana, il Centro di competenza di didattica dell’italiano e delle lingue nella scuola e la sezione regionale ticinese del Gruppo di intervento e studio nel campo dell’educazione linguistica organizzano un pomeriggio sulla didattica della punteggiatura e sui dubbi e i luoghi comuni dell’italiano di oggi.

Perché è così difficile usare bene la punteggiatura? È vero che i segni di punteggiatura corrispondono a pause “del respiro” di diversa lunghezza? A che punto è la didattica dell’interpunzione? Come si può facilitarne l’apprendimento nei giovani? E quali altri dubbi affliggono oggi chi scrive e parla l’italiano? Da domande come queste nasce l’idea di una giornata dedicata alla punteggiatura e ad altri nodi critici della nostra lingua: studiosi ed esperti si trovano insieme per fornire risposte concrete ai problemi più urgenti e per presentare alcune recenti pubblicazioni sul tema, tra le quali il volume a cura di Silvia Demartini e Simone Fornara La punteggiatura dei bambini. Uso, apprendimento e didattica (Carocci, 2013), risultato di una ricerca pluriennale condotta presso il DFA. Ospite d’eccezione, il linguista Giuseppe Patota, autore di libri divulgativi sui dubbi dell’italiano parlato e scritto di oggi di grande successo.

Cliccare qui per scaricare il pieghevole con il programma completo dell’evento.

La grammatica è…

15

…una canzone dolce, come recita il titolo di un noto libro di Erik Orsenna. Ed è proprio da questo libro che vorrei partire per una breve riflessione sulla scelta dei testi sui quali lavorare in classe, un tema che affronteremo nel nostro ultimo incontro dell’anno, a giugno, ma che vale la pena di introdurre già sin d’ora.

Il libro di Orsenna è un bell’esempio di come si può abbinare una storia divertente e coinvolgente alla proposta (più o meno implicita) di efficaci strategie didattiche, infarcendo il tutto di una sottile ma decisa critica verso l’insegnamento tradizionale della grammatica.

Illuminanti, in questo senso, sono le pagine nelle quali l’autore descrive gli “aggiornamenti pedagogici” ai quali sono sottoposti i docenti che nel loro mestiere hanno dimostrato di non sottostare alle indicazioni provenienti dall’alto: vere e proprie sedute forzate, durante le quali “gendarmi dell’aggiornamento” (pseudo-formatori ben diversi da noi) impartiscono lezioni meramente frontali e somministrano definizioni a iosa, cercando di riportare i malcapitati sulla retta via (potremmo chiosare: ecco come non si deve impostare un corso di aggiornamento).

Per contro, come scrivevo poco sopra, il fantastico mondo delle parole nel quale sono finiti i due protagonisti dopo il naufragio che li aveva lasciati letteralmente senza parole (senza linguaggio). In particolare, Il percorso che Giovanna intraprende sull’isola è denso di spunti didattici sui quali vale la pena di riflettere: attraverso la conoscenza diretta (per esperienza, non per memorizzazione di definizioni o regole) delle categorie grammaticali  piano piano la ragazzina riacquista l’uso del linguaggio e, con esso, l’amore per le parole.

A titolo di esempio, cito il capitolo sull’analisi logica che, senza far ricorso alla cascata di complementi prevista dalla grammatica tradizionale, suggerisce un modo per avvicinare i bambini alla riflessione logica a partire dalla frase semplice, complicando via via le cose. In breve, l’episodio è il seguente: Giovanna pesca due parole dalla voliera  dei nomi (tuberosa e diplodoco), poi pesca un verbo (sgranocchiare) dal formicaio dei verbi; poi pesca due articoli dal distributore degli articoli (la e il); dispone i tre elementi in sequenza (La tuberosa sgranocchiare il diplodoco); dopodiché (e dopo un suggerimento sull’ordine delle parole nella frase appena abbozzata) inserisce il foglio con i tre elementi negli orologi dei tempi verbali, che sistemano definitivamente la frase, dandole un senso compiuto: il diplodoco sgranocchia la tuberosa.

Con un po’ di fantasia (sorretta da una buona conoscenza dell’analisi logica), è facile ipotizzare un’attività didattica simile, da proporre a bambini del II ciclo SE, prestando però attenzione a un particolare non irrilevante: se consideriamo l’analisi logica secondo la pista valenziale, il primo elemento a dover essere pescato dovrebbe essere il verbo, non i sostantivi, perché è proprio il verbo che ci dice di quanti elementi (di quanti nomi) ha bisogno per creare una frase minima. Se pesco il verbo “preparare”, ad esempio, so che dovrò avere due nomi per comporre una frase completa (“la nonna” e “la torta”); è il verbo inoltre che mi fa capire senza possibilità di errore qual è il soggetto della frase.

Mi scuso per essere stato estremamente sintetico (il discorso sull’analisi logica secondo la pista valenziale merita di essere ripreso nel nostro corso, quaest’anno o – per chi lo vorrà – l’anno prossimo), ma mi premeva proporvi questo spunto di riflessione, che ora traduco con un “compito”: se conoscete il libro di Orsenna (e, se non lo conoscete, leggetelo: è breve e si legge con lo stesso piacere con il quale si beve un bicchier d’acqua fresca in una calda giornata di sole), provate a individuare almeno uno spunto didattico che si potrebbe proporre (modificandolo e adattandolo al contesto) nelle vostre classi. Presentatelo poi succintamente come commento a questo articolo.

Buona lettura e buone riflessioni!

La parola fatta…

2

Pubblichiamo in forma di articolo la trascrizione dei cartelloni realizzati durante il quarto incontro del corso, svoltosi in data 14.01.2009. Non si tratta di un semplice promemoria, ma di un documento che potrebbe rivelarsi utile per ricavare spunti (didattici e non) per approfondire una delle essenze più “profumate” della lingua italiana. Ovviamente siete invitati a commentare questa carrellata di idee con le vostre aggiunte o considerazioni. E altrettanto ovviamente vi ringraziamo per il lavoro fin qui svolto, senza il quale questo articolo non sarebbe mai stato scritto.

A beneficio di chi non era presente all’incontro, ricordiamo la consegna: provate a costruire un cartellone cercando di spiegare come è fatta una parola a partire dalle preposizioni. Un piccolo esempio: la parola fatta di… lettere.

Gruppo1

La parola fatta…

di segni, senso, lettere
a pezzi, incastro
da suoni, immagini, pensieri
in concordanza, rima, fretta, allegria, silenzio
con fantasia, emozioni, sentimento, logica
su misura, richiesta
per esprimere, comunicare, trasmettere, amare, spiegare, vivere, litigare
tra noi, amici, persone, bambini
fra testi, idee, immagini, il serio e il faceto

Gruppo 2

La parola fatta…

di spicchi
a strati
da noi
in salmì
con testa
su misura
per tutti
tra esseri
fra pensieri

Gruppo 3

La parola fatta…

di suoni, lettere, immagini, idee, regole, segni, sillabe, mistero
a pezzi, cassetti, mongolfiera, ventaglio
da bere, mangiare, ridere, usare, giocare, tacere
in catena, cerchio, giro, vendita, regalo, genere
con senso, testa, fatica, coraggio
su stelle, cartelli, treni, vettore, libri
per canzoni, gioco, finta, raccontare, spiegare, amare
tra uomini, litigi, pause, paesi, silenzi
fra noi, stagioni, un anno, silenzi, bambini

Gruppo 4

La parola fatta…

di suoni
a pezzi
da immagini
in casa
con passione
su misura
per me
tra me e te
fra – se” (sé)

Il sasso nello stagno. Introduzione all’essenza della parola.

13

Per introdurre il discorso sulla seconda essenza dell’italiano, cioè la parola, abbiamo pensato di proporvi una bella citazione tratta da un famoso libro di Gianni Rodari, la Grammatica della fantasia (prima edizione 1973). Provate a commentarla, spiegando che cosa vi fa venire in mente, e perché dovrebbe essere importante, in classe, prestare molta attenzione alla parola e dirigere l’attenzione dei bambini su di essa (per farli riflettere, per farli divertire, per…). La parola è senso, ma è anche morfologia.

Dunque, a voi la “parola”…

«Un sasso gettato in uno stagno suscita onde concentriche che si allargano sulla superficie, coinvolgendo nel loro moto, a distanze diverse, con diversi effetti, la ninfea e la canna, la barchetta di carta e il galleggiante del pescatore. Oggetti che se ne stavano ciascuno per conto proprio, nella sua pace o nel suo sonno, sono come richiamati in vita, obbligati a reagire, a entrare in rapporto tra loro. Altri movimenti invisibili si propagano in profondità, in tutte le direzioni, mentre il sasso precipita smuovendo alghe, spaventando pesci, causando sempre nuove agitazioni molecolari. Quando poi tocca il fondo, sommuove la fanghiglia, urta gli oggetti che vi giacevano dimenticati, alcuni dei quali ora vengono dissepolti, altri ricoperti a turno dalla sabbia. Innumerevoli eventi, o microeventi, si succedono in un tempo brevissimo. Forse nemmeno ad avere tempo e voglia si potrebbero registrare tutti, senza omissioni.
Non diversamente una parola, gettata nella mente a caso, produce onde di superficie e di profondità, provoca una serie infinita di reazioni a catena, coinvolgendo nella sua caduta suoni e immagini, analogie e ricordi, significati e sogni, in un movimento che interessa l’esperienza e la memoria, la fantasia e l’inconscio e che è complicato dal fatto che la stessa mente non assiste passiva alla rappresentazione, ma vi interviene continuamente per accettare e respingere, collegare e censurare, costruire e distruggere.»

Gianni Rodari, Grammatica della fantasia (1973)

Per iniziare…

19

Benvenuti nel nostro nuovo blog sull’insegnamento dell’italiano all’inizio del Terzo millennio! Per iniziare e per familiarizzare con questo nuovo strumento che ci permetterà di continuare a discutere anche al di fuori dei nostri incontri, vi proponiamo di mandare un semplice commento con una citazione tratta da un libro o da un articolo che parli dell’italiano, della grammatica o dell’insegnamento. Io (Simone) scelgo questa:

“Io credo che la grammatica sia una via d’accesso alla bellezza. Quando parliamo, quando leggiamo o quando scriviamo, ci rendiamo conto se abbiamo scritto o stiamo leggendo una bella frase. Siamo capaci di riconoscere una bella espressione o uno stile elegante. Ma quando si fa grammatica, si accede a un’altra dimensione della bellezza della lingua. Fare grammatica serve a sezionarla, guardare come è fatta, vederla nuda, in un certo senso. Ed è una cosa meravigliosa, perché pensiamo: “Ma guarda un po’ che roba, guarda un po’ com’è fatta bene!”, “Quanto è solida, ingegnosa, acuta!”. Solo il fatto di sapere che esistono diversi tipi di parole e che bisogna conoscerli per definirne l’utilizzo e i possibili abbinamenti è una cosa esaltante. Penso che non ci sia niente di più bello, per esempio, del concetto base della lingua, e cioè che esistono i sostantivi e i verbi. Con questo avete in mano il cuore di qualunque enunciato. Stupendo, vero? I sostantivi, i verbi… Forse bisogna collocarsi in uno stato di coscienza speciale per accedere a tutta la bellezza della lingua svelata dalla grammatica. A me sembra di farlo senza alcuno sforzo. Credo di aver capito com’è fatta la lingua a due anni, in un colpo solo, sentendo parlare gli adulti. Per me le lezioni di grammatica sono sempre state sintesi a posteriori e, al limite, precisazioni terminologiche. Mi chiedo se sia possibile, attraverso la grammatica, insegnare a parlare e a scrivere bene a bambini che non hanno avuto l’illuminazione che ho avuto io. Mistero.”

Muriel Barbery, L’eleganza del riccio (2006)

Torna all'inizio