Sara Pacaccio

Sara Pacaccio (Ortona, provincia di Chieti) si è formata nella facoltà di Lettere Moderne dell’Università degli studi di Pavia, seguendo, fra gli altri, corsi di Cesare Segre, Angelo Stella, Franco Gavazzeni, Antonia Tissoni Benvenuti, Luigi Poma. Si è laureata nel 2001 sotto la direzione del Prof. Angelo Stella, con una tesi in Storia della lingua italiana, dal titolo Le postille di Luigi Rossari al Dizionario Universale del D’Alberti di Villanuova (Milano, Cairo, 1825), premiata nel concorso Cesare Angelini «Questa mia bassa» per le tesi di argomento letterario discusse tra il 1999 e il 2002. Nel quadriennio di studi è stata ammessa alla Scuola Universitaria Superiore dell’Istituto Universitario di studi Superiori dell’Università di Pavia vincendo uno dei premi messi a disposizione dalla scuola per gli studenti particolarmente meritevoli; ha poi ricevuto il diploma di licenza nel 2002. Si è abilitata all’insegnamento nelle scuole secondarie nel 2003 e nello stesso anno è stata ammessa alla Scuola di dottorato in Filologia Moderna dell’Università degli Studi di Pavia, dove si è addottorata nel 2007 con una tesi dal titolo Gli scritti linguistici di Alessandro Manzoni: per un indice ragionato, tutore prof. Angelo Stella. Dopo il dottorato ha ottenuto l’affidamento di due corsi di Laboratorio di didattica della lingua presso la Scuola di Specializzazione per l’Insegnamento nelle Scuole Secondarie dell’Università degli studi di Pavia. Dal 2007 al 2012 è stata assistente presso l’Università di Friburgo, sotto la direzione di Alessandro Martini e poi del suo successore, Uberto Motta. Da gennaio 2013 è coordinatrice della Scuola di dottorato in Studi italiani, creata dalle Università di Friburgo, Ginevra e Losanna e insegna presso la Scuola Cantonale di Commercio di Bellinzona. Gli interessi di studio si sviluppano principalmente in ambito storico linguistico, con particolare attenzione per l’Ottocento.

Contatti

Université de Fribourg
Département des langues et littératures
Av. Beauregard 11
1700 Fribourg

sara.pacaccio@unifr.ch

.

Principali pubblicazioni

  • S. Pacaccio (a cura di), Le postille di Luigi Rossari al «Dizionario universale» di Francesco D’Alberti di Villanuova (Milano, Cairo, 1825), in Edizione Nazionale ed Europea delle Opere di Alessandro Manzoni, Milano, Centro Nazionale degli Studi Manzoniani, vol. 23/II, 2014, 1210 pp. Il lavoro ha ottenuto il sostegno del Fondo Nazionale Svizzero per la Ricerca Scientifica.
  • S. Pacaccio, «…non far languire di palpiti tanti poveri infelici». Lingua e gergo nella società ‘mattoide’ dell’età crispina, in Alberto Carlo Pisani Dossi. Lo scrittore il diplomatico l’archeologo, Atti del convegno (Milano 15- 17 novembre 2010), a cura di Francesco Spera, 2014, pp. 53-133.
  • S. Pacaccio, Prime ricognizioni per uno studio della sintassi nella poesia italiana tra gli Inni sacri e i Canti di Castelvecchio, in «Stilistica e Metrica Italiana», 2014, pp. 95-128.
  • S. Pacaccio, Spunti linguistici da un fascicolo di lettere conservato nel fondo Pisani-Dossi (Archivio Centrale dello Stato), in «Studi Linguistici Italiani», 2013 II, pp. 219-242.
  • S. Pacaccio, Ansia di nuovo e fascino d’antico. Appunti sulla lingua poetica di Giovanni Camerana,
    in « Versants, revue suisse des littératures romanes », n. 57, anno 2010, pp. 105-125.
  • S. Pacaccio, Per una verifica dell’itinerario stilistico di Cesare Cantù: la Setajuola, in Cesare Cantù e l’età che fu sua, Atti del Convegno (Brivio – Milano – Varenna, Giornata di studi del 12 Novembre 2005), a cura di Marco Bologna e Silvia Morgana, Milano, Cisalpino, 2006, pp. 499-575.
  • S. Pacaccio, Le postille di Luigi Rossari al « Dizionario universale » di Francesco D’Alberti di Villanuova (Milano, Cairo, 1825) in La lessicografia a Torino dal Tommaseo al Battaglia, Atti del Convegno (Torino – Vercelli, 7-9 Novembre 2002) a cura di Luigi Beccaria ed Elisabetta Soletti, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 2005, pp. 101-149.

 

Sito web istituzionale

http://www.unifr.ch/ital/benvenuto/dominio/docenti/sara-pacaccio

Torna all'inizio