Articoli con tag pubblicazioni

Nuovi articoli su TIscrivo nella sezione download

0

DidIta_copertina-212x300Il Dipartimento Formazione e Apprendimento della SUPSI ha appena pubblicato il volume La didattica dell’italiano. Problemi e prospettive (Locarno, 2015), a cura di Marcello Ostinelli.

Al suo interno si trovano due contributi sulla ricerca TIscrivo, rispettivamente di Luca Cignetti (Didattica della scrittura e linguistica del testo: tre priorità di intervento) e di Alessandra Moretti (Come scrivono gli allievi in quarta media).

Entrambi gli articoli sono disponibili nella sezione download.

 

Il piacere di scrivere

0

copertinaÈ da qualche settimana nelle librerie Il piacere di scrivere. Guida all’italiano del terzo millennio, di Luca Cignetti e Simone Fornara (Roma, Carocci, 2014). La prefazione è di Luca Serianni, che lo definisce «Una palestra indispensabile per mettersi nel mare della nostra lingua senza il rischio di restare in panne nel corso della navigazione». Si tratta di un manuale di scrittura che trae linfa vitale dai circa 2.000 testi raccolti nelle scuole ticinesi nell’ambito della ricerca TIscrivo.

Ciò che rende particolare il manuale è l’impostazione diversa dal consueto: si parte, cioè, dai veri problemi della scrittura di oggi (documentati appunto da numerosi esempi reali, in gran parte prodotti da studenti ticinesi di diverse fasce di età: dai bambini delle scuole elementari agli studenti degli istituti universitari), ai quali viene dedicato ampio spazio, proponendo strategie, soluzioni pratiche ed esercizi stimolanti e innovativi. Per questo motivo, ad esempio, il lettore troverà subito risposte concrete a dubbi ortografici, a incertezze nell’uso dei segni di punteggiatura, a svarioni lessicali e a problemi nella costruzione del testo.

Il tutto nella convinzione che il dovere di comporre testi possa anche trasformarsi nel piacere di scrivere.

Un’anticipazione del contenuto del manuale è stata pubblicata nella pagina culturale del «Corriere del Ticino» del 7 novembre 2014. Cliccando qui è possibile leggere l’articolo.

Torna all'inizio